La foto della premiazione di Francesco Maltese ci dice, ancora una volta, che l’automobilismo non è solo tecnica e tempi ma anche, forse sopratutto, passione e quindi sentimenti… Francesco, ragazzino, sognava di partecipare alla Monte Erice, la “nostra corsa” per eccellenza, e finalmente ha coronato il suo sogno, andando oltre, vincendola, anche senza l’uso delle gambe, con una auto magistralmente preparata dagli Ingardia di Mazara del Vallo, comandi al volante…., attorno a Lui ci siamo stretti insieme a coloro che sono stati sfortunati in questa edizione della “Corsa”,  mancando podi per poco e vittorie per rotture, come Filippo Craparotta (4° di classe E1 Ita 1600),Gaspare Fodale (4° di Classe PROD. E 1400), Andrea Raiti (4° di classe E2SC 3000), Benedetto Monacò (rottura cambio), Giuseppe Gulotta (centralina cambio), Enrico Valenti (motore), Rosario Trippiedi (elettronica), perché alla fine “ abbiamo Vinto” insieme a “Ciccio” la nostra Monte Erice.

Ma la corsa è anche Cronometro e non solo Cuore.

Giovanni Candela  – 1° di Classe nella TC 1000 del 1° Raggruppamento; Piazza Gaspare 1° di Classe e 2° Assoluto nel 3° Raggr. con la sua Fiat X – 1/9 Silhuette;

Esordio alla grande nella Racing Start per il giovane Gianpiero Campo con un 2° posto nella “terribile” Classe RSTB 1600 ed un eccellente 3° di Gruppo RS; 3° di Classe per Antonino Tilotta (ad un passo dal titolo Siciliano nello Slalom) nella RS – Plus 1600; 1° di Classe per Francesco Maltese nella E2SH 1150; 1° di Classe e 2° di Raggruppamento per la giovane figlia d’arte Martina Raiti, grintosissima, nella CN Classe 1600; 3° di Classe nella E2SS 1000 per Angelo Massimo Gentile; Antonino Piazza, 2° di Classe gr.2 Bicilindriche.